s

Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem ei est. Eos ei nisl graecis, vix aperiri consequat an.

Image Alt

Jim Rotondi & Piero Odorici Quintet

Details

Date: 19/03/2022
Hour: 22:00

Type: open

Jim Rotondi tromba Piero Odorici sax tenore Matyias Gayer pianoforte Paolo Benedettinicontrabbasso Jason Brown batteria

Info e prenotazioni

reservations@camerajazzclub.com

WhatsApp al numero 391 1682442

Orari e Costi

Concerto ore 22:00

Contributo €20 a sostegno dei musicisti e delle attività culturali dell’associazione “Jazz Club Bologna”

Affiliazione Endas ingresso riservato ai soci, tessera annuale €15

Il quintetto nasce dal sodalizio artistico tra i due leader Jim Rotondi e Piero Odorici che collaborano da oltre 15 anni, Jim Rotondi è uno tra i trombettisti più autorevoli e rappresentavi nel mondo del jazz da oltre 30 anni, artista caratterizzato da un regale lirismo e una classe cristallina, oltre ché da un fraseggio estremamente fluido e carico di puro swing, nell’arco della sua onorata carriera ha condiviso palco e studio di registrazione con alcune autentiche icone del jazz mondiale, tra cui: Lionel Hampton, Curtis Fuller, George Coleman, Bob Mintzer, Joe Chambers, One For All, Slide Hampton, Mulgrew Miller, Ray Charles, Lionel Hampton, Toshiko Akiyoshi big band, Bob Mintzer, Harold Mabern, Ray Appleton, Charles McPherson, Cedar Walton solo per citarne alcuni.
di recente ha incisoil suo ultimo disco come leader per l’etichetta “Smoke Sessions”, intitolato “Dark Blue”, con Joe Locke e David Hazeltine, dopo una serie di pubblicazioni di successo con varie etichette “Dark Blue” è stato accolto molto bene nel mondo del jazz, ricevendo una recensione di 4 stelle dalla rivista Downbeat e trascorrendo 3 settimane al numero 1 della playlist della radio internazionale jazzradio.com.
Piero Odorici è uno degli esponenti europei più importanti della musica jazz, molto amato dai musicisti di oltre oceano ha collaborato e inciso con vere e proprie leggende del jazz, solo per citarne alcuni Cedar Walton, George Cables, Eumir Deodato, Curtis Fuller, Billy Higgins, Slide Hampton, Eddie Henderson, Jimmy Cobb, Steve Grossman, Red Rodney, Lee Konitz, Joe Lovano, Steve Lacy, Billy Hart, Jack McDuff, Mingus Big Band, Vincent Herring, One For All, John Hicks, Si è esibito nelle principali città degli Stati Uniti (New York, Boston, Philadelphia…) È stato spesso presente nei più importanti festival europei: Umbria Jazz, Orvieto (Umbria Jazz Winter), Gran Parade du Jazz di Nizza, Pori Jazz Festival, Nord Sea Jazz e molti altri…
Al loro fianco una ritmica di eccezione formata da alcuni dei più significativi musicisti del jazz internazionale.